DOPO IL CESAREO, CURARE LA CICATRICE

TAGLIO CESAREO, CURARE LA CICATRICE

Che il taglio cesareo sia stato una scelta o una necessità, dopo il parto ci si trova con una cicatrice che rappresenta un pesante elemento di interferenza per l’organismo della donna.

Di solito la cicatrice attira attenzione principalmente per due motivi, problema estetico e le aderenze.

In realtà però il disturbo della cicatrice coinvolge l’intero organismo e porta ripercussioni a distanza.

Nel tessuto cicatriziale resta registrata la memoria traumatica dell’evento e diventa una fonte di sintomi che non sono semplicemente cutanei.

I sintomi derivanti dalle cicatrici addominali possono essere:

  • Meteorismo
  • Movimenti intestinali irregolari
  • Dolore addominale cronicotaglio cesareo
  • Disturbi digestivi e ostruzione intestinale
  • Problemi posturali
  • Mal di schiena

Ma la cicatrice cesareo non è una cicatrice come le altre: per quanto ben eseguito, il taglio cesareo ha spezzato la meravigliosa rete di comunicazione che unisce ogni cellula e ogni organo del corpo e questo porta conseguenze non solo estetiche ma anche funzionali.

A fronte di questo però la buona notizia è che la cicatrice del cesareo può essere sbloccata e rimessa in equilibrio e molte sono le tecniche che possono venire in aiuto, ad esempio la manipolazione connettivale e micro bendaggi attraverso Taping.

 

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+