RIABILITAZIONE IN GRAVIDANZA

rehab_gravRIABILITAZIONE IN GRAVIDANZA

  • lombalgia
  • sciatalgia
  • pubalgia
  • dolore pelvico

 

Il mal di schiena in gravidanza è molto comune, si stima che la percentuale di donne che soffrono di questi dolori durante la gestazione sia tra il 50% e l’80%.
Il dolore si può manifestare in forma lieve solo durante alcune attività oppure può essere intenso e costante e diventare molto invalidante.
Un mal di schiena acuto dura circa 2/3 giorni, ma in alcune circostanze può anche cronicizzare.
Gli studi dimostrano che il mal di schiena in gravidanza si presenta solitamente tra il quinto e il settimo mese di gravidanza, tuttavia in alcuni casi può comparire anche tra l’8° e la 12° settimana.

TRATTAMENTI

  • Ginnastica posturalesirio
  • Fisioterapia individuale
  • Massaggio fisioterapico
  • Terapie manuali fasciali
  • Osteopatia; permette la crescita armoniosa del bambino in un corpo materno libero da tensioni e dolori. Favorisce la relazione madre e bambino attraverso il movimento, il respiro e le sensazioni. Prepara il corpo ad accogliere il bambino mantenendolo in salute ed equilibrio per portarlo gradualmente verso un parto consapevole.
  • Linfodrenaggio; dopo il terzo mese di gravidanza il linfodrenaggio diventa il massaggio più indicato, efficace infatti nello stimolare la circolazione linfatica e quindi nel contrastare l’accumulo di liquidi, questa tecnica è per sua natura lenta, delicata e superficiale, a differenza di altri massaggi più profondi che potrebbero provocare un’eccessiva dilatazione dei capillari della donna già fragili.
  • Pressoterapia; Durante la gestazione è normale soffrire di fastidi dovuti alla circolazione linfatica e sanguigna. Tali malesseri sono la conseguenza di alcuni importanti cambiamenti che interessano il nostro corpo per accogliere il feto. Le problematiche di cattiva circolazione sono tra i sintomi più diffusi della gravidanza. Durante la gestazione la quantità di sangue nel nostro organismo aumenta. Questo incremento è funzionale ad assicurare una corretta irrorazione di tutti i nostri organi, compresi la placenta e gli altri annessi embrionali. A causa dell’influenza ormonale, i vasi sanguigni periferici si dilatano e le loro pareti diventano più permeabili, causando una cattiva circolazione. A livello degli arti inferiori la maggior parte delle donne in attesa lamenta, per questi motivi, gonfiori, pesantezza e dolori. Per superare tutte queste manifestazioni è utile sottoporsi ad alcuni trattamenti di pressoterapia.
  • Agopuntura; i disturbi tipici della gravidanza che si possono curare con l’agopuntura sono: nausea e vomito, cefalea, lombosciatalgia, gambe gonfie, rivolgimento fetale, allattamento. L’agopuntura può essere utilizzata anche per indurre il travaglio quando la gravidanza è oltre termine, aumentare le contrazioni uterine accorciando i tempi di travaglio, e persino controllo del dolore.PULSANTE-CONTATTI